Cosa mangiare a Matera: viaggio tra le specialità lucane

0
166

Se ti piace viaggiare saprai bene che, per conoscere realmente la cultura della Capitale della Cultura Europea 2019, non basta ammirare le opere d’arte ed il paesaggio, occorre sapere cosa mangiare a Matera e gustare i suoi prodotti tipici.

Vuoi immergerti ancora più profondamente nella cultura lucana?

Dormi all’interno di una delle antiche grotte di Matera.

Cosa mangiare a Matera

Ecco cosa mangiare a Matera durante la tua vacanza

La tradizione enogastronomica di Matera è molto antica ed è ricca di prodotti di qualità.

Gli ingredienti sono semplici ma vengono cucinati con i sapori tipici delle culture dei tanti popoli che hanno attraversato la Basilicata nel tempo.

Mordi e fuggi

Chi è solo di passaggio e non ha abbastanza tempo da fermarsi in un ristorante può assaporare la cucina tipica lucana in focacce o panini.

La focaccia materana è caratterizzata per essere condita con pomodori pelati, pomodorini o verdure; il pane materano IGP si accompagna perfettamente ai saporiti salumi della tradizione e alla ricotta forte o ascuante.

Antipasti e primi piatti

Tra gli antipasti spiccano le bruschette di pane materano condite con pomodori di Massa ed olio; il caciocavallo podolico (più pregiato formaggio lucano) e la cacioricotta (salata e stagionata).

Nei primi troviamo i cavatelli (simile alle orecchiette, preparati con farina di grano duro, acqua e sale) e le frizzule (preparate con un ferretto, solitamente condite con molliche di pane e peperoni dolci).

I condimenti utilizzati per la pasta sono vari: cime di rapa, ricotta, peperoni cruschi di Senise IGP, pomodori e sughi a base delle pregiate carni del territorio.

Più particolari sono la Ciallédd (pane duro condito con patate, cipolla, erbette, uova e rape) e la Crapiata (zuppa di legumi caratterizzata da grano, farro, lenticchie, ceci, fagioli, cicerchie, patate e piselli, che si mangiava solitamente il 1 agosto per celebrare la fine del raccolto).

Secondi piatti

Tra i secondi spiccano il Cutturiddi (carne di agnello condita con cipolline, pomodori, alloro e rosmarino) e la Pignata (carne di pecora o di castrato condito con sedano, cipolla, pomodori, salame piccante, pecorino, peperoncino, carote e patate).

Da segnalare anche la salsiccia lucanica (speziata con peperone dolce rosso e finocchietto selvatico) e la pezzente della montagna materana (caratterizzata dalla presenza delle parti grasse del maiale, aromatizzata con aglio fresco e finocchieto selvatico).

Di particolare bontà sono anche i peperoni cruschi di Senise IGP (essiccati al sole e fritti) e le melanzane rosse (usate soprattutto per conserve sott’olio).

Dessert

Tra i dolci infine spiccano le strazzate (palline di pasta di zucchero ottenute con mandorle, noce moscata e cannella), la torta di ricotta (ricotta di pecora, pasta frolla e zucchero) e spumette (soffici biscotti a base di mandorle tritate).

Il vino

Ora che sai cosa mangiare a Matera non puoi non accompagnare queste deliziose pietanze con il vino di Denominazione di Origine Controllata del materano.

Si può scegliere tra sei tipologie differenti per uve e processi produttivi: Primitivo, Rosso, Moro, Aglianico, Greco e Spumante.

I viaggi arricchiscono le persone ma solo assaporando i prodotti tipici del luogo si può dire di averlo realmente conosciuto.

5