Proprietà dell’olio essenziale di Ravintsara

0
175

Ancora poco conosciuto in Italia e in Occidente, l’olio essenziale di Ravintsara vanta numerose proprietà benefiche ed è ampiamente utilizzato come rimedio naturale. Secondo Étienne de Flacourt, governatore del Madagascar a metà del XVII secolo, il Ravintsara è in grado di contrastare tutti i tipi di malattie e di infezioni (Storia della Grande Isola di Madagascar, 1658). Oggi i suoi benefici sono dimostrati da numerosi studi scientifici.

Ravintsara: alla scoperta della pianta

Quest’ olio è ricavato dalla pianta di Ravintsara (Cinnamomum camphora L.), appartenente alla famiglia delle Lauracee (la stessa dell’alloro e della cannella). Tale pianta può raggiungere i 15 metri ed è originaria del Madagascar. Ravintsara, nella lingua locale, significa “Foglia Buona”. Ed è proprio dalle sue foglie che si estrae il prezioso olio essenziale.

Olio essenziale di Ravintsara: conosciamolo meglio

Come si presenta

L’olio essenziale di Ravintsara è liquido e ha un aspetto limpido. La sua colorazione va dall’assenza di colore al giallo chiaro. Il suo profumo ricorda quello dell’eucalipto: speziato, dolce, fresco e balsamico.

Come avviene l’estrazione

Questa sostanza si ottiene dalla distillazione delle foglie fresche, che deve avvenire entro 24 ore dalla loro raccolta fatta a mano. La distillazione avviene tramite vapore acqueo e ha un rendimento massimo del 2% (2 kg di olio essenziale per 100 kg di foglie).

Nonostante siano spesso confusi, l’olio essenziale di Ravintsara è diverso da quello di Ravensara (Ravensara aromatica) ed ha benefici diversi.

Benefici olio essenziale Ravintsara

Un simile olio essenziale è:

  • Antivirale – efficace contro influenza, raffreddore, bronchite, Herpes simplex o zoster, rinofaringite, sinusite, mononucleosi.
  • Antibatterico ad ampio spettro e antimicobatterico – è possibile usarlo anche preventivamente nei periodi in cui è più facile ammalarsi.
  • Immunostimolante – stimola le ghiandole surrenali, da cui dipende la risposta immunitaria dell’organismo.
  • Espettorante – favorisce la fluidificazione del muco e la sua espulsione.
  • Antinfiammatorio – lenisce le infezioni e le mucose irritate.
  • Tonico cerebrale e fisico – l’olio si utilizza in caso di astenia (stato di debolezza generale caratterizzato da perdita della forza muscolare, da affaticamento e da insufficiente reazione agli stimoli) dovuta a interventi chirurgici, malattia o intenso stress.
  • Antispastico.
  • Analgesico.
  • Decontratturante muscolare.

Inoltre, viene anche utilizzato per contrastare l’insonnia, l’ansia, la fatica e l’esaurimento nervoso.

L’olio di Ravintsara e la cosmesi

L’olio suddetto trova largo uso anche nella cosmetica. In particolare, viene utilizzato:

  • contro la cellulite e la ritenzione dei liquidi per le sue proprietà drenanti e disintossicanti, con risultati importanti anche nelle aree critiche (addome, fianchi, cosce);
  • per la pulizia della pelle in casi di acne o brufoli sottopelle.

Attenzione alle controindicazioni

L’olio di cui stiamo parlando non presenta particolari controindicazioni, ma, per il fatto che è naturale, non deve essere sottovalutato il suo impatto sulla salute della persona.

Allergie

Prima dell’uso è bene fare una prova allergica: basterà spalmarne una goccia su una piccola porzione di pelle e lasciarlo agire per qualche ora. Se non si presentano arrossamenti o prurito, si può procedere tranquillamente al suo utilizzo.

Condizioni in cui l’uso è sconsigliato

Come tutti gli oli essenziali, dovrebbe essere evitato:

  • in caso di gravidanza;
  • durante l’allattamento;
  • se si soffre di asma;
  • nei neonati. Il suo uso nei bambini tra i 3 mesi e i 7 anni è invece possibile, ma soltanto sotto la supervisione di un naturopata.

Modi di utilizzo

Sono molteplici i modi in cui utilizzare la preziosa “essenza”. Ovviamente dipendono dall’effetto desiderato.

Diffusione nell’ambiente

Per disinfettare l’aria di una stanza, alleviare la stanchezza e combattere lo stress, si può bruciare qualche goccia di olio diluita in acqua in un diffusore per ambiente.

Bagno

Contro la stanchezza un ottimo rimedio è l’immergersi nella vasca per un buon bagno. Acqua calda, uno o due cucchiai di bicarbonato e qualche goccia di olio di Ravintsara sono il segreto per rigenerarsi.

Inalazioni

Contro il raffreddore, le infezioni alle vie respiratore e la rinite allergica, si può inalare l’olio essenziale dalla boccetta o mettendolo su un fazzoletto di cotone.

Suffumigi

Raffreddori, infezioni alle vie respiratore e rinite allergica troveranno beneficio anche con i suffumigi fatti con acqua, bicarbonato e 4-5 gocce di olio essenziale. Per non disperdere i vapori dell’acqua calda e indirizzarli verso il volto, si deve coprire la testa con un asciugamano.

Massaggi e frizioni

Per favorire il rilassamento muscolare; sul petto contro il raffreddore, la tosse e le infezioni alle vie aeree; sulla pelle contro eventuali infezioni virali. L’olio essenziale, però, in questi casi non può essere usato puro ma deve essere diluito in un olio vettore.

Ravintsara e olio CBD: unione felice nel nome del benessere

Un olio vettore che è possibile abbinare all’olio essenziale di Ravintsara è l’olio CBD.

Che cos’è l’olio CBD

L’olio CBD od olio di cannabis è un olio costituito da CBD (cannabidiolo), sostanza naturale estratta dalle brattee e dalle foglie dei fiori femminili di Cannabis Sativa, diluito in un olio vegetale (generalmente l’olio di semi di canapa o l’olio di oliva).

L’olio di semi di canapa non deve essere confuso con l’olio di cannabis: infatti, si tratta dell’olio estratto dai semi della canapa e non dalla sua pianta.

Gli effetti simili della Ravintsara e della cannabis

L’unione dell’olio essenziale di Ravintsara con quello di cannabis va a rafforzare gli effetti benefici che questi hanno singolarmente.

L’olio CBD viene utilizzato per le sue proprietà antidolorifiche, antinfiammatorie, decontratturanti e immunostimolanti. Lo stesso favorisce il rilassamento; allevia l’ansia, lo stress e la depressione; contrasta l’insonnia. Oltre a questi benefici, dimostrati scientificamente e riconosciuti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), esso è anche energizzante e antiossidante.

Per qualsiasi approfondimento circa l’olio CBD, clicca su questo link.

Ma l’olio CBD è legale?

Se non si è esperti della materia, probabilmente è questa la domanda che ci si è posti. L’olio CBD, pur essendo estratto dalla cannabis, non contiene sostante psicoattive (costituite dal THC) ed è completamente legale. Tra l’altro, la legge italiana permette nei prodotti derivanti dalla canapa una presenza di THC sino allo 0,2% (percentuale oltre la quale si sfocia nell’illegalità). L’uso dell’olio di cannabis od olio CBD, quindi, non crea dipendenza né dà il classico effetto sballo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here